ROMA and FONO ROMA 2 – early 1950s again

by ALBERTO ALBERTINI, Milano 2016

The Lollobrigida case, how dubbing in Italy changed forever, and how Alberto reacted to a not very exciting job with inventive resources, becoming an inventor within the film industry.

ALBERTO ALBERTINI, Coordinare - Coordinating

Alberto Albertini, COORDINARE – COORDINATING

Dubbing was introduced by the American film industry wanting to sell  movies abroad. The FONO ROMA had a fortuitous birth: an American producer meeting a former singer, I believe Mister Persichetti, to open dubbing studios in Italy.

Dubbing consists of repeating in Italian the foreign actors’ voice and combining the new voice with the other film sounds and music. Italian movies did not need dubbing because actors were recorded live during filming.

But, lack of money after the war and the use of non-professional actors led to the practice of dubbing the Italian movies as well, either because the live recording was expensive or because the actors were not able to speak a correct Italian. Later live recording was imposed by law, in order to protect the workers in the audio department, but the employment of non-professional actors continued. Hence the practice of audio recording to be used only as a guide for the dubbers in the final editing. Sound recording, when it is GOOD, brings additional costs not only for people and tools, but also for control of surrounding conditions such as silence in the room. Also the audio recording had to be good. Now direct recording is easier, having cheaper, and technologically more advanced devices.

O R G A N I Z Z A R E – O R G A N I Z I N G

r-aa-organizzare-159

r-aa-organizzare-160

 

 

 

 

 

 

 

 

 

r-aa-organizzare-161

What I’m saying is that, before I became a mixer, I happened to record dubbing sessions for both, Italian and foreign movies.

Allora?  Three fundamental episodes came out of all that:

The job was boring. Between the testing of a loop and the recording I often fell asleep, especially during the summer at two in the afternoon. There was a day in which somebody from the recording room (I was in the mixing booth) asked me: is it OK? Yes. OK or not? You don’t sound very convinced. I got it, the answer was important. Since then I always answered Yes!!! an experience that became precious later on.

Some of the actresses refused to be dubbed and required us to let them dub themselves: The Gina Lollobrigida case. Beyond the poor quality of her acting, she had an awful voice ending in a dead sound at the end of each word. I used to raise all the final syllables to make her words comprehensible. The point is that Guglielmo Morandi, the dubbing director, wanted to extract blood from a turnip and she, at a certain moment, wasn’t able to give what the director wanted. We were stuck. From the mixing booth using the intercom I said: let’s stop for a little while, so she can rest and then we restart… Furious, Morandi shouted at me: how did I dare to interfere with the director etcetera, etcetera. The fight was long enough to allow her a rest as I had suggested and the dubbing continued. The poor girl never knew what a favor I did for her!

(She is alive, same age as I. Although I did not appreciate her as an actress, I can say she was very pretty.) Talking of which, director Luigi Zampa, while we were dubbing La Romana, told me that la Lollo was incredibly greedy: she used to remake herself the soles of her shoes to save money! That I could appreciate)

Most dubbing was operated by the CDC movie dubbers cooperative: dubbers of various origins: opera singers, former actors or deceived actors who had not had a big success or simply found this work profitable and safe. The CDC dubbers, differently from other small cooperatives of the time, had a large range of voices. It was easy to distinguish one actor from the other. Their acting though was just standard, and quite often affected by an unbearable birignao (sing song voice). It happened that the producers of of some dubbing companies (Commander De Leonardis,* as many others coming from the Navy) decided to stop the routine and gave precise instructions to the dubbing director (Giulio Panicali, who was also a dubber). Putting on the first reel of “Ne touches pas aux grisby,” Panicali spent a whole hour in the studio explaining the new requirements, and asking them to rehearse the roles, bringing the acting back to the essence of what the context implied. It means that actors did speak as if the scene were humanly true. Dubbing, since then, changed forever.

*The main helper and director of photography of De Leonardis was Mario Bernardo, former chief partisan in Friuli.

 

I N V E N T A R E – I N V E N T I N G

015 – moviola – editing table –

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

A dubbing editor had asked me to build it. It allowed him to vary the film speed according to the dialogue translator’s advice. The significant innovation was a solid state amplifier (transistor) in which the cell sensitive to light, able to read the sound track, was a transistor without varnish. That is to say the semiconductors are light sensitive and I had eliminated the varnish to change them into photodiodes. The results was a sound never heard before in the editing tables.

016 – registratore – recorder –

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Prototype to demonstrate a new style of mechanical design. One can see the difference of style in the recorder that follows.

018  018bis – Registrazione copie – reproducing recorder –

018-spiegazione-cronologica

001-018-bis

Stereophonic cinemascope did not have an optical sound track that could be printed along with images. It had instead four magnetic sound columns; we had to align the magnetic tracks for each copy and record them. Recording was done at FONO ROMA two copies as a time as one can see in the picture. The small screen was useful to verify the synch between sound and images because sometimes the negative image was cut, but not the magnetic sound master.

019 – Containers

019-spiegazione-cronologica
Containers for cinemascope films.

020 021 022 – Surround Sound Patent –

020-spiegazione-cronologica

stereo-sei0001

stereo-sei0006
Working on the reproducing recorder, the one presented above, gave me the sparkle of an idea. While I was seeing the image on the small screen, I was listening to the sounds from speakers hung on the walls. I thought it could be very exciting if also in a movie theater one could listen to a shot, for instance, coming from off screen. Cinemascope had already made a provision for sounds in the theater, but diffused ambient sounds. I had in mind dialogue, shots, specific noises of events out of the visual field. I thought of utilizing half of the optical sound track (the only space that remained on the film itself) to move an off screen sound to the left or the right, or even to use in parallel all the speakers on the left , separately from those on the right, to obtain a bigger sound intensity.
Image 020 shows a cinemascope film with marks for space for the command track (50% column in the photo); 021 shows the relationships between tracks and speakers behind the screen.

023 – It’s a candy, a fragment of TODD AO film. Which is a scene of Oklahoma on 70 mm. film and six sound tracks. Because Mike Todd, one of Elizabeth Taylor’s husbands, died in an airplane accident, everything died there.

022-spiegazione-cronologica

 

PER FRANCESCO E DIEGO

Il doppiaggio nacque dall’esigenza dell’industria americana di vendere all’astero la produzione cinematografica diventata sonora. La FONO ROMA nacque fortunosamente dall’incontro della produzione americana con un ex cantante (mi pare) tale Persichetti.La produzione cercava la combinazione per aprire gli studi di doppiaggio in Italia.

Il doppiaggio consiste nel ripetere in italiano la recitazione degli attori stranieri e sovrapporre la nuova recitazione agli altri suoni del film, musica, rumori. Per i film italiani non serviva doppiaggio perché gli attori recitavano in italiano ed erano ripresi audio e video direttamente: in presa diretta.

Le carenze di mezzi a causa della guerra e l’uso di attori non professionisti determinarono la consuetudine di doppiare anche i film italiani, sia perché non c’erano soldi per la presa diretta, sia perché gli attori non sapevano recitare o parlare correttamente. Successivamente la legge impose la presa diretta per tutelare il lavoro del settore audio ma, il procrastinarsi dell’uso di attori non esattamente professionisti suggeri di registrare l’audio da utilizzare semplicemente come guida nella lavorazione di editing finale, cioè come guida per i doppiatori. La presa diretta del suono, BUONA, comporta costi additivi, non solo di persone e mezzi ma anche accorgimenti collaterali, il silenzio in teatro o i disturbi in esterni e una maggiore cura nella ripresa perché essa doveva essere buona anche come audio. Ora siamo tornati alla presa diretta buona anche perché i mezzi di registrazione sono più economici e tecnologicamente avanzati.

Tutto questo per dire che, prima di passare al mixaggio, io mi trovavo a registrare sia i doppiaggi di film stranieri che italiani.
Allora? Allora ne escono tre episodi pilastro:

1       Il lavoro era noioso e tra la prova di un anello e la registrazione spesso dormivo, specialmente d’estate alle 14. Successe che una volta, di là, in sala (ero in regia) mi chiesero: va bene? si. Va bene o no? Mi sembra in si poco convinto! No no, va bene. Capii l’importanza della risposta, Risposi sempre: SI!!! Esperienza di cui feci tesori anche in seguito.
2       Qualche attrice non intendeva essere doppiata e imponeva di doppiarsi da se medesima. Il caso Lollobrigida. Oltre a non saper recitare aveva ( ha ) una pessima voce sfiatata con le finali morte. Io alzavo tutte le finali altrimenti non si sarebbe capito niente. Il punto è che il direttore di doppiaggio, tale Guglielmo Morandi, voleva estrarre il sangue dalla rapa e a un certo punto lei non riusciva a dare quello che il regista voleva e la cosa si stava arenando. Io dalla regia (con l’interfonico) dissi: facciamo una piccola pausa, così si riposa e poi riprendiamo… il Morandi furibondo inveì contro di me: come mi permetto di interferire col direttore ecc, ecc. La lite durò abbastanza per consentire il riposo che avevo suggerito e il doppiaggio proseguì! La tapina non saprà mai il lavoro che le ho fatto! (è viva a ha la mia età e per quanto l’avessi disprezzata come attrice, posso dire che era molto carina). Ah, Luigi Zampa (regista) durante il doppiaggio de “La romana” mi disse che la Lollo era una tirchia terribile: si risuolava le scarpe da sola per risparmiare! (Però, che brava!)

3      La maggior parte del doppiaggio era cosa della CDC cooperativa doppiatori cinematografici, doppiatori di varia origine, cantanti d’opera, ex attori o attori che non avevano sfondato o semplicemente che trovavano questo lavoro redditizio e sicuro. A differenza di altre piccole cooperative di allora, i doppiatori CDC avevano voci assai differenziate che consentivano di identificare gli attori con facilità, per contro avevano una recitazione standard e in diversi casi con insopportabile birignao. Accadde che un gestore della produzione di alcune case ( il comandante De Leonardis,* provenivano tutti dalla marina) decise di dare un taglio alla routine e diede precise istruzione al direttore del doppiaggio (certo Giulio Panicali che era anche doppiatore). Il Panicali, una volta in studio fece girare il primo anello del film “ne touchez pas aux grisby” per un’ora, spiegando e facendo provare le parti in modo da ricondurre la recitazione alla pura essenza del significato necessario al contesto. Cioè gli attori parlavano come se la scena fosse umanamente vera. Da allora il doppiaggio non fu più lo stesso.

*L’aiutante e e direttore della fotografia delle produzioni di De Leonardis era Mario Bernardo, ex capo partigiano in Friuli.

INVENZIONI

015 moviola. La moviola mi era stata commissionata da un editore di doppiaggi e consentiva di variare la velocità di scorrimento del film a giudizio del traduttore dei dialoghi. La grossa innovazione era un amplificatore allo stato solido (transistor) in cui anche la cellula sensibile alla luce per la lettura della colonna sonora era un transistor sverniciato. I semiconduttori sono sensibili alla luce e io avevo tolto la vernice per farlo diventare un fotodiodo, il suono era come mai sentito nelle moviole.

016 registratore. Prototipo per dimostrare nuovo stile nel design meccanico. Se lo confronti con le macchine in 018 ingrandimento, puoi notare la differenza di stile.

018 registrazione copie. Il cinemascope stereofonico non usava la colonna sonora ottica, stampabile insieme all’immagine, ma quattro colonne sonore magnetiche. Quindi su ogni copia bisognava stendere le piste magnetiche e registrarle. La registrazione era fatta in FONO ROMA a due copie per volta come risulta dalla foto. Il piccolo schermo tipo moviola, serviva per verificare che il suono fosse sempre in sincrono con l’immagine perché qualche volta tagliavano il negativo immagine ma non il master magnetico del suono.

019 contenitori pellicole cinemascope.

020 021 022. brevetto surround. Il lavoro che facevo sulle macchine 018 mi fece scattare la scintilla. Io vedevo l’immagine sul piccolo schermo ma udivo il suono su altoparlanti che stavano alle pareti: idea, se anche al cinema si potesse udire, per esempio uno sparo, fuori dallo schermo, sarebbe molto emozionante. Già il cinemascope prevedeva suoni in sala ma suoni di ambiente diffusi, io pensavo a dialoghi, spari, rumori precisi di eventi fuori campo. L’idea era di utilizzare metà della colonna sonora ottica (unico spazio rimasto sulla pellicola) per comandare la commutazione di un suono fuori campo a sinistra o a destra o addirittura mettere in parallelo tutti gli altoparlanti di sinistra e separatamente quelli di destra per ottenere una potenza di suono maggiore. La 020 mostra una pellicola cinemascope con le indicazioni anche dello spazio per la traccia di comando ( 50% colonna fot. ).la 021 relazione tra le piste e gli altoparlanti dietro lo schermo.

023 è una chicca, un pezzo di pellicola TODD AO. Ovvero una scena di Oklahoma su film di 70mm e sei piste sonore. Il Todd, uno dei mariti della Taylor, morì in un incidente aereo e la cosa fini lì.